Notice: Undefined index: HTTP_ACCEPT_LANGUAGE in /home/xf1c24qm/public_html/lib/class/class.user.php on line 194
Istituto Riuniti Airoldi e Muzzi

Istituti Riuniti Airoldi e Muzzi

Residenza Sanitaria Assistenziale

Quando è il momento di farsi sostenere

Gli Istituti Riuniti Airoldi e Muzzi, ONLUS, da più di quattrocento anni prestano la loro attività, ispirata fin dalla loro fondazione ai valori della carità cristiana, a servizio della persona anziana.

Impegnati per supportarti e
assisterti

Gli Istituti Riuniti Airoldi e Muzzi da più di quattrocento anni prestano la loro attività, ispirata fin dalla loro fondazione ai valori della carità cristiana, a servizio della persona anziana.
Oggi, più che non in passato un anziano che perde la propria autonomia per un evento traumatico improvviso o per una malattia degenerativa, necessita di trovare accoglienza in strutture confortevoli, qualificate e in grado di offrire risposte assistenziali e sanitarie adeguate.
Con professionalità, competenza e passione gli Istituti Riuniti Airoldi e Muzzi sono impegnati quotidianamente a prendersi cura di ogni ospite, con l’obiettivo di preservarne le capacità residue, offrendo prestazioni medico-specialistiche-riabilitative volte a prevenire, risolvere o ritardare l’insorgenza di eventi invalidanti.
Con il contributo di tutte le professionalità definiscono e aggiornano progetti di intervento personalizzati, individuali o di piccolo gruppo. Promuovono la formazione e l’aggiornamento del personale con particolare attenzione alla crescita personale e professionale di tutti gli operatori. Favoriscono il mantenimento dei legami degli ospiti con la famiglia e le reti amicali, anche attraverso l’apporto del volontariato, affinchè gli Istituti non siano solo un luogo di cura e assistenza, ma un luogo di vita, aperto alla collaborazione di tutti.

Iscriviti alla Newsletter

I Suoi dati saranno trattati nel pieno rispetto delle disposizioni vigenti soltanto dagli incaricati autorizzati, esclusivamente per dare corso all'invio della newsletter.

Chi siamo


Una struttura ben organizzata per la cura dell'anziano

Gli Istituti sono un ente senza scopo di lucro, diretto da un Consiglio di Amministrazione (CdA) che si avvale della collaborazione della Direzione Generale e della Direzione Sanitaria.
Nell’aprile 2014 si è insediato l’attuale CdA composto da sette membri, di cui tre nominati dal Comune di Lecco, tre nominati dall’Associazione Amici degli Istituti Riuniti Airoldi e Muzzi, il Parroco pro-tempore della Parrocchia di Acquate.


CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE IN CARICA
Giuseppe Canali Presidente giuseppe.canali@airoldiemuzzi.it
Rosaria Bonacina Vice-Presidente rosaria.bonacina@airoldiemuzzi.it
Emilio Amigoni Consigliere
Fernanda Castellani Consigliere
Mario Galli Consigliere
Alfredo Vassena Consigliere
Don Carlo Gerosa Consigliere
DIRETTORE GENERALE
Fulvio Sanvito fulvio.sanvito@airoldiemuzzi.it
DIRETTORE SANITARIO
Dott. Andrea Millul andrea.millul@airoldiemuzzi.it
Revisore Unico
Dott. Pierangelo Bonfanti
Presidente Organismo di Vigilanza (D.lgs 231/01)
Dott. Pierangelo Bonfanti odv231@airoldiemuzzi.it

All’interno degli Istituti sono presenti anche una comunità delle “Suore di Carità delle Sante Bartolomea Capitanio e Vincenza Gerosa” dette “Suore di Maria Bambina” e un cappellano a supporto dell’assistenza spirituale degli ospiti.

Tour virtuale

Fai il tuo tour virtuale dell'istituo

Clicca qui per iniziare il tuo tour

clicca una delle precedenti strutture per visualizzare il tuor virtuale

News ed Eventi

Festa dei colori nel parco

Domenica 13 Maggio 2018 

FESTA DEI COLORI NEL PARCO

INTRECCIAMO LA CITTA’ 

Programma

Ore 10.00:  S.Messa  nella Chiesa degli Istituti

Ore 10.45: Inaugurazione installazioni YARN  BOMBING 

Note colorate nel parco

BANDA GIOVANNI BRIVIO – RANCIO

GRUPPO FOLCLORISTICO RENZO E LUCIA, CON FIRLINFEU

aperitivo

Nel pomeriggio

Ore 15.00  nella Chiesa degli Istituti Concerto per cori e orchestra

si esibiscono:

Corale S. Agostino  Parrocchia Sacra Famiglia di Pascolo

Corale S. Maria Assunta  Parrocchia S. Maria Assunta in Celana

The Little Big Orchestra

Diretti da Damiano Bonanomi

Evento organizzato nell'ambito del progetto “Avere Cura del Bene Comune 2018”

Nella “Festa dei colori nel parco” alle ore 10,45 è prevista l’inaugurazione  delle installazioni di yarn bombing, realizzate dai nostri ospiti durante le attività del  progetto “Coloriamo il Parco”, progetto che li ha coinvolti per quasi un anno. 

Si sta diffondendo anche in Italia un fenomeno, denominato Yarn Bombing, letteralmente “bombardamento di filati", una forma d’arte nata negli Stati Uniti, che ha come obiettivo quello di creare delle istallazioni di lavori a maglia, realizzati a ferri o uncinetto, di grande impatto visivo per l'allegria dei colori e la vivacità degli elaborati.

Il progetto che è stato realizzato in questi mesi, prevedeva la realizzazione di pannelli lavorati con lana e/o cotone, lavorati sia con i ferri che con l'uncinetto, che sono stati assemblati e saranno utilizzati per rivestire alcuni alberi del parco degli Istituti.

Grazie alla manualità richiesta per realizzare questa attività le persone coinvolte nel progetto hanno avuto l’occasione di valorizzare e stimolare le loro capacità motorie residue, soprattutto la manualità fine, e di "mantenere allenata” la memoria procedurale, un tipo di memoria implicita, che generalmente rimane preservata più a lungo.

Eseguire i lavori in compagnia di altri ospiti e con l’aiuto degli educatori, dei fisioterapisti e dei volontari, ha favorito momenti di socializzazione, non solo per gli ospiti che abitualmente frequentano il laboratorio di terapia occupazionale, ma anche per chi ha spontaneamente costituito piccoli gruppetti di lavoro nelle residenze. La possibilità di condividere momenti di lavoro strutturato e la realizzazione di un progetto comune ha creato un clima di collaborazione e di scambio di conoscenze che ha coinvolto oltre ai volontari e ai familiari, anche alcuni dipendenti “creativi” e abili nel lavoro a maglia. 
In origine il progetto voleva anche connotarsi di una positiva valenza sociale  e di scambio intergenerazionale, attraverso il  coinvolgimento sia di anziani di altre strutture che di giovani interessati ad apprendere le tecniche del lavoro a maglia. 
In questo senso positiva è stata l’esperienza di collaborazione con l’oratorio feriale della Parrocchia di Olate, con il Centro Il Giglio di Pescarenico e con un classe del  Liceo Artistico Medardo Rosso,  che ha  studiato un progetto di installazione nel parco dei lavori realizzati in questi mesi. A partire dal 12 maggio nella Sala Animazione saranno esposti i disegni che gli allievi hanno preparato per questo perogetto.

L’evento finale del 13 maggio, che si inserisce anche nel progetto “Avere cura del bene comune” promosso dal Comune di Lecco in collaborazione a numerose realtà del territorio, permetterà di valorizzare il lavoro svolto dagli ospiti e da tutte le persone che si sono coinvolte per la realizzazione di questo progetto comune.

Auspichiamo che l’apertura del parco alla cittadinanza per la visione delle installazioni di yarn bombing possa permettere ad un ampio pubblico di avvicinarsi alla realtà dei nostri Istituti per conoscerli e per apprezzarne  la qualità del servizio offerto.




22 apr 2018
5 per mille: rendiconto 2017

5 per Mille

Non costa nulla, ma vale molto. 

Il 13 aprile l'Agenzia delle Entrate ha diffuso i dati relativi alle scelte compiute dai contribuenti per l'anno finanziario 2016 con i relativi importi che saranno versati a ciascun ente entro la fine del 2018.
Sono state 180 le persone che hanno deciso di destinare il loro 5 per mille agli Istituti per una somma complessiva di €.  6.379,01.

Ringraziando,  rinnoviamo l'invito a destinare il proprio 5 per mille agli Istituti anche per quest'anno, facendo conoscere a più persone possibili questa opportunità, anche attraverso il passaparola.

Ricordiamo che nella propria dichiarazione dei redditi è possibile destinare una quota dell’imposta, pari al 5 per mille, a favore delle organizzazioni non profit, senza alcun aggravio di ciò che si deve versare e senza sostituire l’8 per mille. 

I modelli CU, 730 e UNICO contengono un riquadro “Sostegno del volontariato, delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale”, dove firmare per sostenere gli Istituti Airoldi e Muzzi Onlus, riportando semplicemente il  codice fiscale:  83005730136


 

13 apr 2018
Certificazione ISO 9001 e OHSAS 18001

COMUNICATO STAMPA

Un nuovo importante riconoscimento è stato attribuito nei giorni scorsi agli Istituti Riuniti Airoldi e Muzzi Onlus di Lecco: la certificazione di un sistema di gestione integrato, che prevede al suo interno il controllo della qualità dei processi secondo la normativa ISO 9001:2015 e il monitoraggio della salute e sicurezza sul lavoro secondo la normativa OHSAS 18001:2007.
“Siamo particolarmente orgogliosi di questi due certificati che attestano la qualità dei nostri servizi e l’attenzione che gli Istituti dedicano ai propri ospiti e propri dipendenti in tema di sicurezza e salute sui luoghi di lavoro” afferma il presidente Giuseppe Canali.
“Si tratta di riconoscimenti che giungono al termine di un iter procedurale che ha visto il coinvolgimento attivo e propositivo di tutte le funzioni aziendali, coordinate dalla responsabile qualità e risk management, e ci ha portato all’organizzazione di un sistema organico e integrato, che ha al proprio centro la qualità dei servizi socio-sanitari-assistenziali erogati alla persona anziana - afferma il direttore generale, Fulvio Sanvito - Si tratta di un percorso che ha visto anche un costante aumento delle attività di formazione e aggiornamento continuo dei nostri dipendenti, oltre all’introduzione di nuove modalità organizzative e gestionali”.




11 apr 2018
Rinnovato il Cda degli Istituti

Si è insediato nella giornata del 20 marzo 2018  il nuovo Consiglio di amministrazione degli Istituti Riuniti Airoldi e Muzzi Onlus.

In base al nuovo statuto, a farne parte sono stati chiamati: Rosaria Bonacina e Mario Galli, nominati dal Comune di Lecco; Giuseppe Canali e Alfredo Vassena, nominati dalla Associazione Amici e Sostenitori degli Istituti; Emilio Amigoni e Fernanda Castellani, nominati dal Comitato composto dal Vicario Episcopale, dalla Camera di Commercio di Lecco, dalla Fondazione Comunitaria del Lecchese e dalla Fondazione Frassoni.

Il nuovo Consiglio di amministrazione ha proceduto alla nomina del Presidente, incarico a cui è stato confermato Giuseppe Canali, e del Vicepresidente, a cui è stata confermata Rosaria Bonacina.

La seduta è stata anche l’occasione per un ringraziamento ai consiglieri uscenti Carlo Invernizzi e Giuditta Berera, che con la seduta del 13 marzo scorso hanno concluso il loro mandato, e per una presentazione complessiva del lavoro svolto dal Consiglio di amministrazione nel corso del quadriennio precedente.

“Sono stati quattro anni intensi, durante i quali il Consiglio ha lavorato in stretta collaborazione e totale sintonia con il Direttore generale, il Direttore sanitario e tutto il personale, con l’obiettivo di consolidare gli Istituti e il loro ruolo nel tessuto sociale della comunità lecchese. – ha sottolineato Canali - Il focus del nostro impegno è stato quello di rafforzare ulteriormente il ruolo degli Istituti quale riferimento  autorevole per la presa in carico complessiva delle persone con fragilità e per la soddisfazione dei loro bisogni, con l’obiettivo di offrir loro una migliore qualità della vita. Coerentemente a questo obiettivo abbiamo investito sia nel potenziamento e nella qualificazione continua  delle risorse umane che operano nei nostri Istituti, sia nell’ammodernamento e nel miglioramento degli ambienti e degli spazi a disposizione degli ospiti e delle strutture residenziali, sia nella messa a punto di procedure organizzative e gestionali capaci di agevolare, arricchire e rendere più serena la relazione con i familiari”.

“La valorizzazione del ruolo degli Istituti riuniti Airoldi e Muzzi Onlus  – ha continuato Canali -  si è tradotta anche in un’intensa attività di comunicazione con i diversi stakeholer, condotta sia attraverso lo sviluppo di relazioni istituzionali con i soggetti vivi della comunità locale, sia creando un flusso  di informazione e dialogo con l’utilizzo delle più moderne tecnologie. Un’ulteriore importante direzione di impegno è stata quella in ambito economico-finanziario, dove il Consiglio di amministrazione ha operato per riequilibrare la situazione di esposizione con il sistema bancario e recuperare risorse per gli investimenti”.

21 mar 2018
Bilancio 2014 - 2018

In coincidenza con la conclusione del proprio mandato quadriennale, 2014 - 2018, il Consiglio di amministrazione degli Istituti Riuniti Airoldi e Muzzi ha ritenuto doveroso e corretto tracciare un sintetico bilancio della propria attività e di condividerlo con  le realtà istituzionali della città e del territorio.

Il Bilancio di fine mandato  ha l’obiettivo di promuovere e divulgare una conoscenza sempre più ampia e approfondita degli Istituti, della loro mission, della attività assistenziale e sanitaria che svolgono in risposta a bisogni che richiedono interventi sempre più qualificati.

Lo trovate pubblicato sul sito nella pagina CHI SIAMO a questo link:

https://issuu.com/welcomeadv/docs/airoldi_bilancio_fine_mandato_sfogl?e=4205564/59229672


 

20 mar 2018
Nonna, nonno...mi racconti

Oggi pomeriggio appuntamento del progetto “Nonna, nonno, mi racconti...”.

Presenti venti alunni della classe 3 della scuola Primaria Nazario Sauro di Lecco, accompagnati dalle loro insegnanti  Daniela Rusconi e  Lidia Di Natale.

Nell'incontro di oggi gli ospiti, divisi in gruppetti nella varie Residenze con gli alunni della scuola, hanno raccontato i loro ricordi sui temi scelti: il cibo (cosa si mangiava una volta), i giochi (come si giocava), la musica (le canzoni che si ascoltavano), e la casa, (come e dove si viveva). I ricordi sono stati raccolti in un libretto consegnato agli alunni.

Un momento di lavoro intenso e molto partecipato 

In vista del prossimo incontro, ad aprile, i bambini sono chiamati a sviluppare degli elaborati, con tecnica libera, inerenti agli argomenti affrontati.

In aprile gli stessi gruppi, ospiti e bambini, si ritroveranno per terminare insieme le opere realizzate.


Il dettaglio del  Progetto Educativo rivolto agli ospiti di tutte le Residenze e realizzato con la collaborazione della Scuola Primaria NAZARIO SAURO  (insegnanti e alunni classe 3^)

Obiettivi: 

Alla base del progetto intergenerazionale vi è l’idea che gli anziani e i bambini stanno bene insieme e sono ricchezza gli uni per gli altri:

- l’incontro permette ai bambini di allacciare relazioni con altri adulti al di fuori della loro famiglia e della struttura scolastica;

- il contatto con i bambini fa “rivivere” e può restituire all’anziano una dimensione progettuale sul domani che lo renda protagonista in prima persona della propria vita.

Questo progetto vuole puntare sulla solidarietà intergenerazionale per il recupero delle relazioni attraverso l'aggregazione e l'incontro sociale, in cui anziani e bambini possano superare ragioni ed elementi di separazione ed allontanamento e condividere un comune progetto.

L'obiettivo generale è quello di accrescere il benessere e la qualità di vita degli anziani e dei bambini.

Obiettivi specifici riguardanti le persone anziane:

- Restituzione di un ruolo di adulto responsabile che li vede parte di un progetto di crescita dei bimbi;

- Mantenimento dei legami sociali e contrasto all’isolamento e solitudine attraverso la presenza dei bambini che favoriscono una dimensione di casa

- Valorizzare la loro esperienza di vita, il loro passato;

- Contribuire al mantenimento e alla riattivazione delle capacità e delle autonomie funzionali dei singoli.

La persona anziana mantiene il senso di soddisfazione personale e una visione positiva della vita se continua ad essere impegnata in attività legate a vecchi e nuovi ruoli. La rinuncia a questi ruoli equivale ad un senso di perdita e smarrimento dell’identità sociale e porta all’esclusione e all’isolamento.

L'anziano deve essere in grado, ed essere messo nelle condizioni, di conciliare l'identità passata con quella attuale attraverso il recupero di un senso di continuità con il passato e con l'insegnamento e il ricordo da lasciare alle generazioni future.

Obiettivi specifici riguardanti i bambini:

- Offrire ai bambini relazioni significative con adulti al di fuori della famiglia;

- Offrire l’esperienza diretta della vecchiaia attraverso una conoscenza attiva e non mediata da adulti;

- Educare il bambino all’incontro con l’altro.

Modalità di intervento: 

Il progetto si sviluppa in diverse fasi con diverse tempistiche e contenuti.

Tematiche:  

LA NOSTRA CASA -  COSA SI MANGIAVA? - I GIOCHI DI UNA VOLTA  -  LA MUSICA E LE CANZONI

Le fasi del progetto:

Raccolta dei racconti:

In un primo momento gli educatori, attraverso il metodo dell’autobiografia, lavoreranno con un  gruppo di  ospiti (5/8) per ogni residenza sugli argomenti scelti per raccogliere i ricordi, le informazioni e  i racconti del loro vissuto.

I racconti potranno essere trascritti o audio registrati. questo materiale verrà consegnato alle insegnanti durante il primo incontro con gli alunni e ospiti. 

Condivisione dei racconti: 

Accoglieremo nella “nostra casa” i bambini  ( formazione di 4 gruppi composti da 5 bambini e 5/8 anziani), per condividere con loro i racconti  mantenendo le quattro tematiche che faranno da filo conduttore  per tutto l’arco della durata del progetto. 

Laboratori sulle tematiche del progetto. 

Coinvolgendo le diverse discipline le insegnanti sceglieranno come trattare gli argomenti definiti (gli ambienti della casa come erano un tempo e perché, legati alla diversa tipologia familiare, così come all’alimentazione, i tipici piatti, la musica popolare e i giochi di una volta.

I bambini  prepareranno per ogni argomento un “opera/prodotto” che dovrà essere completato con gli ospiti nel successivo incontro .

Lavoriamo insieme

Completamento dei dettagli dei prodotti dei laboratori in collaborazione con gli ospiti.

I prodotti verranno presentati e rifiniti con l'aiuto degli anziani 

Evento finale

Alla fine dl progetto si prevede un momento comune tra tutti gli alunni e gli ospiti delle Residenze e del Centro Diurno in cui verranno condivisi e  presentati i racconti e i prodotti del lavoro svolto.





22 feb 2018
5 per mille
Non costa nulla, ma vale molto

Nella propria dichiarazione dei redditi è possibile destinare una quota dell’imposta, pari al 5 per mille, a favore delle organizzazioni non profit, senza alcun aggravio di ciò che si deve versare.
I modelli CU, 730 e Unico contengono un riquadro “Sostegno del volontariato e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale”, dove apporre la propria firma, riportando semplicemente questo codice fiscale :

83005730136

Come possiamo aiutarti? +39 0341 497172

Per accedere ai servizi

Contattaci